WEAVING A MEANINGFUL  LIFE  –  PRESERVING MY RYUKYU HERITAGE

Several years ago, I felt a stroke of grace and realized who I am: a fourth-generation weaver, handspinner, and dyer, just like the three generations of Ryukyu bashofu weavers before me. At that moment, I decided to begin a journey to preserve my family’s weaving heritage. I was born in Naha, Okinawa, Iapan. In my youth, my parents moved to the United States, and despite our physical distance from Okinawa, we maintained close ties to our family and culture. However, it was not until I began my weaving journey that I began to under stand the place of handweaving in my cultural heritage.

A HISTORY OF HANDWEAVING

The Ryukyu Islands are an archipelago located southwest of mainland Iapan. Okinawa Island, my birthplace, is the largest inhabited island in the archipela» go and is located about 900 miles (1,500 kilometers) south of Tokyo, on the East China Sea. The Ryukyus were once an independent kingdom, the Ryukyu Kingdom, and flourished as a trading nation. Due to its location along an ocean trade route, the Ryukyu culture was shaped by influences from China, Korea, Japan, and Southeast Asia. Weaving and dyeing techniques in the Ryukyus were learned from neighboring countries around the fifteenth century. The people of Okinawa (the Uchinan-chu) took these skills and developed a unique textile culture of their own. In the seventeenth century, handweaving skills developed among the Ryukyu population after the invasion of the Satsuma clan from mainland Japan. The Ryukyu Kingdom was required to pay taxes to the Satsuma, and since Ryukyu textiles were revered by neighboring nations, the textiles became a key commodity and were important to diplomacy. The Ryukyu court developed adminisa trative guidance documents on textile designs, which contributed to the further refinement of Ryukyu weaving. The documented designs include those of my own family—bashofu abaca cloth and silk handidyed with natural dyes and handwoven with kasuri ikut patterns representing the natural beauty of the islands; bashofu and silk handwoven with Shuri ori designs (a supplementary-weft structure from Shuri, the capital of the Ryukyu Kingdom); and, colorful bingata surface designs handidyed onto handwoven bashofii and silk cloth. By establishing a high standard of quality for the island handweavers, the Ryukyu rulers ensured that tax payments, in the form of handwoven textiles, would be satisfactory to the Satsurna Clan. So, the Ryukyus became a land of handweavers, and handweaving and the associated dyework became an integral part of people’s lives.

CARRYING ON THE BASHOFU TRADITION

Bashofu abaca Cloth, made from a bast fiber, is one of the most revered fabrics of the Ryukyus. It originates from the ito basho banana tree, a non fruit-producing tree. The processing of basho threads is a long and arduous one—the fiber is cut from the tree trunk and retted, threads are separated and handtied, handspun, and hand-dyed. Hence, it takes a village or at least a large family to prepare the basho threads for handweaving. My own grandmother and her siblings learned bashofu weaving from my great-grandmother. They lived and worked in Izumi Village on northern Okinawa Island where the people are known for their Ryukyu Ai (native indigo) production and dyework. Most of these handweaving-related skills are handed down from generation to generation. I learned about the processing and weaving of basho threads from my grandmother. My mother taught me to tie Basho threads, and my cousins often answer my questions about natural dyework.

FABRIC FILLED WITH FEELING

Certainly the single most important handweaving skill was taught to me by Scharines grandmother at age 103 my grandmother when she was 103 years old, and shortly after, I made a commitment to carry on our family legacy. She told me to “treasure each thread as I weave it so that the fabric becomes filled with my feeling.” The more I explore my weaving heritage, the more I understand the meaning of her words. Over eighty years ago, my grandmother had woven a kasuri ikat bashofu kimono as a gift for my great»aunt. I had never seen it, so my great-aunt invited me to her home where she modeled the kimono for me. As she wore the kimono, her face beamed with a sense of happiness and peace. Although my grandmother had passed away, I could sense that her spirit was present in her handwoven kimono, andI could see that this filled my great-aunt with joy. During that same visit, my greatiaunt, a bashofu weaver herself, gave me some of her own indigoidyed basho threads that she had processed over sixty years ago. She felt that I should have the threads at this moment in my life, when I was beginning to understand our heritage, our culture, and what it means to be a handweaver. I was humbled by the gift and even more so when she showed me her handwoven bashofu and silk samples. Her handwoven samples document the various stages of her life and significant events. My great-aunt’s handwoven silk and hemp sample is the most memorable for meAshe wove the cloth shortly after World War II when she had nearly lost everything. The hemp was provided by a local fisherman who shared his hemp fishing net with her to incorporate into her weaving. As I work to preserve my family weaving heritage, I find that the path is full of new discoveries. I’ve made many friends. I am grateful that so many handweavers have provided inspiration and have generously shared-their wisdom and experience with me. My friend Fujiko is a good example. She grows ito basho trees on her farm and processes the threads with her husband on northern Okinawa Island. She endures hard work—it takes two hundred basho stems, twenty thousand handtied knots, and six months to make a single kimono. When I asked Fujiko why she does it, she said that she wants to “have a meaningful life.” On my personal voyage of discovery and preservation, I have discovered that the processes of handweaving and our handwoven cloth embody our very being in the Ryukyu culture. Now, every time I sit at my Okinawan high loom in my weaving studio, I work to “weave my soul into the fabric.”

Text By Sharing Kirchoff

Tokyo – Tre camicie, 2 pantaloni, 1 borsa, 4 scarpe e poco più. La vita di Toyoda Tatsuya, 26enne minimalista giapponese, è tutta racchiusa in questi numeri. Solare e disponibile, Toyoda è diventato minimalista due anni fa, poco prima di trasferirsi a Tokyo dove lavora come editor di un webmagazine. È arrivato nella capitale giapponese dalla natia Kumamoto nell’isola meridionale del Kyushu. “La prima volta che mi sono accorto di avere troppe cose è stato quando ha dovuto pensare a traslocare a Tokyo. Mentre riflettevo su questo fatto, ho letto su internet il blog di Yururimai e quando ho visto il living di casa sua dove non c’era nulla ne sono rimasto affascinato. È stato da lì che piano piano ho iniziato a a buttare via un po’ di cose e che alla fine sono arrivato a Tokyo solo con tre scatole che ho spedito per posta!” dice sorridendo.

Il giovane Toyoda non è però il solo ad aver subito l’influenza di Yururimai, nickname di colei che orami è una vera e propria star del mondo minimal. Sul suo blog “nanimonaiblog” – letteralmente “non ho niente blog” – si descrive così: “Viviamo in tre adulti, un bambino e 4 gatti. Davvero desidero vivere senza possedere niente, e vivo costantemente con questo desiderio”. Dal suo blog sono stati tratti libri dal titolo esaustivo: “A casa mia non c’è niente”, che insegnano a diventare minimalisti e anche un drama tv che in Giappone ha avuto molto successo. Di fatto, da Marie Kondo che nel lontano 2011 col suo metodo konmari ha fatto conoscere l’arte del riordino nel mondo (Vallardi, 2014) a best seller di tiratura internazionale come quello di Fumio Sasaki (Fai spazio nella tua vita, Rizzoli 2016), vivere all’insegna dell’essenziale segna una nuova tendenza sociale.

Come si spiega nell’introduzione del libro di Sasaki, la grande catastrofe del 2011 può certamente aver influenzato la nascita di questo fenomeno, che però era già in incubazione all’interno della società giapponese. Una delle prime cose che i minimalisti che ho incontrato affermano è proprio che, quando ci sono i terremoti, la maggior parte della gente muore perché colpita dagli oggetti che tiene in casa e concludono dunque dicendo: “qui non c’è niente”. In una terra che è appena stata colpita da una grandissima catastrofe naturale, nella quale la terra trema quasi ogni giorno il fatto di non possedere nulla sembra quasi rassicurarli.

“Il denaro però non c’entra” dichiara Sunko, 28 anni OL di Tokyo che ha abbracciato lo stile di vita minimalista da un po’ di tempo. Sunko vive in un appartamentino che condivide con un’ amica minimalista pure lei, nel quartiere Otaku di Tokyo. “Non direi che spendo di meno. Posso però dire che spendo in modo diverso. Investo i miei soldi soprattutto nei viaggi perché amo viaggiare. Avendo meno cose di cui preoccuparmi ho anche più tempo per stare con le persone che mi piacciono, come i miei amici”. “Mi rendo conto che visto da fuori può semplicemente sembrare che io sia una persona che ha pochi soldi e non si può permettere niente, ma non è così” conferma Tatsuya. “In verità adesso mi concentro solo nelle cose che mi interessano veramente. Per esempio non compro più cose a casaccio ma solo quelle che davvero mi servono e mi piacciono. Se qualcuno pensa che sia una vita triste si sbaglia, per me non è assolutamente così”. Lo stesso Fumio Sasaki conferma di aver devoluto tutti i denari ottenuti dalle vendite del suo libro in Giappone alla Croce Rossa internazionale.

Liberarsi dalle cose, dall’attaccamento verso di esse e diventare più felici sembra il risultato a cui porta abbracciare la fede minimal dell’essenziale. Se ci si riflette bene il risultato, tutto sommato è quasi scontato se si pensa che il Giappone celebra la festa della caducità della vita attraverso la contemplazione della breve esistenza del sakura, il fiore di ciliegio. Un rito amatissimo dai giapponesi ed atteso con trepidazione ogni anno da tutta la nazione. E non è solo per la bellezza dei paesaggi giapponesi incorniciati dal rosa pallido dell’effimero fiore che vive solo una settimana all’anno, e oltretutto non da frutti. Cadono i petali e, per questi ragazzi, potremmo azzardare a dire che cada tutto il resto. Lo dice Marie Kondo, ma lo sostengono tutti i minimalisti: liberarsi dalle cose ha prodotto in loro cambiamenti radicali, primo tra tutti la diminuzione dello stress, una maggiore consapevolezza e dunque, un maggiore sentimento di felicità. O comunque di completezza, di concentrazione.

Ma il cuore di questa visione essenziale della vita e del suo rapporto con le cose, gli oggetti che ci circondano, è qualcosa a cui  il Giappone è abituato da secoli e la cui visione affonda le proprie radici in quello shintoismo per il quale ogni cosa ha una sua anima. Me lo confermò un giorno mio marito prima di un trasloco. Intento a tirare a lucido una stanza ormai vuota e che avremmo lasciato per sempre alla mia ennesima insistenza di lasciar perdere mi disse: “vedi, tu non hai ancora capito l’animo giapponese. Io pulisco il pavimento e le pareti per ringraziare tutta la stanza del servizio che ci ha dato in questo tempo che vi abbiamo vissuto”. Liberarsi dalle cose per tornare a dare più valore alle cose e a se stessi: il minimalismo, sembra essere questo. La ricerca di un ordine antico, in cui il rapporto con noi stessi e non veniva mediato da ciò che possedevamo.

Così, se una volta l’approccio minimalista era qualcosa che sembrava naturale trovare all’interno di un tempio Zen, il luogo ideale nel quale professare una vita all’insegna del distaccamento dal mondo, oggi le istanze minimaliste trovano nuovi spazi e nuovi mezzi per esprimersi. I minimalisti 2.0 passano prima di tutto dalla rete, come è successo a Yururimai diventata una star attraverso il suo blog. Lo stesso è accaduto anche a Toyoda che è ormai una piccola star minimalista del web, dove è conosciuto col nome Herbie, e porta avanti un blog molto letto con circa 50mila visitatori unici a settimana.

“Mollo tutto e vado via” in cerca della pace, della felicità o del non so bene che cosa non è, insomma, una scelta di vita che si adatta al minimalista del nuovo millennio il quale, lungi dall’essere isolato e lontano dalla civiltà pratica la propria visione del mondo proprio nelle città. Toyoda, Sunko e anche la sua amica sembrano anzi ribaltare questo stereotipo: la spinta per una scelta di vita essenziale si concretizza proprio all’indomani di un trasferimento in una grande città e viene anzi portata avanti nella metropoli più trendy, affollata e piena di stimoli e tentazioni del pianeta.

In fondo questo fenomeno dal timbro intimista è dunque tutto fuorché interpretabile con le categorie mentali a cui siamo abituati noi occidentali tanto e se nulla c’entra il denaro, nulla c’entra la visione politica. La critica sociale al capitalismo che potrebbe sembrare naturale abbinare a una scelta di vita di questo tipo, non trova riscontro nelle parole e nei gesti di chi pratica l’essenziale in Giappone. Nulla a che vedere con diete esasperate o fumosi principi ascetici. “Sì, mi rendo conto che se tutti diventassero minimalisti per la società sarebbe un po’ un problema” dice Toyoda. “Ma fortunatamente non è così. Per me ognuno deve semplicemente vivere come meglio crede. Io sono più felice così”. In Giappone, la rivoluzione, se esiste è semplice e discreta. Intima e precisa come ogni “via”, del tè, della scrittura, dei fiori. Ancora una volta il Giappone non finisce di stupirci e noi non possiamo fare altro che provare a capirlo. Per capire meglio noi stessi.  Text by Stefania Viti

error: Content is protected !!